Contorni, Gli Appetizer, Senza categoria

E INFATTI GIA’ PIOVE…

2 ottobre 2014

Caldo caldissimo.
Almeno per essere il 2 di ottobre.
Anche oggi cielo azzurro e 28 gradi.
Ma non potrebbe essere così tutto l’anno?
Se proprio proprio l’inverno lo deve fare,magari che si limiti a dicembre…che si sa Natale con la neve è sempre magico.
E invece no.
A breve questi cieli limpidi (che manco ad agosto!) lasceranno spazio al grigio,alla nebbia,al freddo.
Già sono infastidita per il solo fatto di dover mettere il giubbotto quando sfreccio con il motorino per la città.
Qua la temperatura cambia nel giro di un paio di ore.
Sabato e domenica sono riuscita ad andare al mare.
Due giornate regalate,come si dice da queste parti.
Sole e caldo,i bagnini che piano piano chiudono gli stabilimenti,lavano i lettini e tu stai lì,a goderti l’ultimo sole con il groppo in gola.
Sai che potrebbe essere l’ultimo giorno in cui stai in bikini per parecchi mesi,l’ultimo giorno in cui il mare è azzurro invece di grigio.
Quest’anno poi prevedono molto freddo e tantissima neve.
I contadini dicono che serve per pulire l’aria e per avere una buona estate.
In effetti,l’inverno scorso non è stato freddo e quest’estate non è stato caldo.
Diciamo che agosto senza aria condizionata accesa,senza le lamentele per l’afa,con la felpa la sera e la trapuntina nel letto la notte…sembrava ottobre.
Ottobre o le vacanze estive dai nonni!
Che di estivo avevano solo qualche bagno al lago,
in costume si,
ma con un freddo pungente.
Ad agosto,quando andavo a passare qualche settimana da loro,la sera si accendeva già la stufa…
E se volevi fare la veglia in giardino,era d’obbligo il golfino appoggiato sulle spalle.
Mentre i miei coetanei mangiavano il gelato,alla canicola della città,io bevevo cioccolata calda a temperature sotto la media.
Non ricordo di aver patito mai tanto freddo come quando ero a casa dai miei nonni.
La cucina che fungeva anche da sala era riscaldata sia da una grande stufa che da un camino.
Ma il resto della casa era completamente al freddo.
Forse i caloriferi c’erano anche ma probabilmente non venivano mai accesi.
Ricordo che odiavo andare in bagno perché era come entrare in un igloo. Potevo fare i fumetti con il fiato tanto la temperatura era bassa.
Stessa cosa per le camere da letto.
Il mio lettino vicino al muro era sempre sotto lo zero.
Quando era inverno e fuori nevicava,io guardavo la neve scendere  e rabbrividivo.
Allora mi rincantucciavo vicino alla stufa e guardavo la nonna che armeggiava per riscaldare il letto.
A quel tempo non c’era nessun tipo di coperta elettrica da impostare su temperature caraibiche.
A quel tempo mia nonna ravvivava il fuoco nella stufa,prendeva il mio pigiamino a righe azzurre e bianche e lo appoggiava sulle stecche della stufa.
Erano posizionate in alto e vi assicuro che quando indossavo il pigiama era meravigliosamente caldo,caldissimo.
Poi scaldava il latte nel pentolino di coccio bianco e di nascosto mi metteva sul fondo della tazza un cucchiaino di miele.
Da piccola lo odiavo,non mi piaceva proprio il sapore.
Però mi faceva bene per la gola,e così,anche se me ne accorgevo ogni volta e facevo un sacco di storie,poi finivo per bere tutto il mio latte.
Mentre giocherellavo con i biscotti bianchi e neri,togliendo la parte di cioccolata che non mi piaceva e inzuppando nel latte il resto,la nonna mi preparava il letto.
Prendeva la brace rovente dalla stufa,la inseriva in un pentolino  che veniva posizionato all’interno del prete.
Un bagaglio di legno che alzava le coperte e al cui interno manteneva celato un caldo segreto,il pentolino con la brace calda.
Non so se abbia bruciato più lenzuoli questo aggeggio o mio nonno che soleva fumarsi una sigaretta a letto prima di dormire.
Spesso e volentieri si addormentava prima di spegnerla..
Comunque,l’attrezzo riscaldante andava tenuto sotto le coperte per qualche tempo,non troppo altrimenti per il calore faceva il buco passando lenzuola,imbottita e copriletto.
Quando era abbastanza caldo,la nonna rimuoveva il prete e mi faceva infilare a letto in gran velocità.
Mi rimboccava bene bene le coperte e poi prendeva il libro che tenevamo sul comodino proprio in serate fredde come quelle.
Era Pattini d’Argento,il mio preferito.
Me ne leggeva qualche pagina e io sognavo di sfrecciare sui quei pattini quasi magici…le guance paffute rosse per il vento freddo e la mani intorpidite anche se dentro i guanti.
Mia nonna mi raccontava che mi addormentavo sempre con il sorriso sulle labbra.
Lei mi dava un bacio e spegneva la lampada,lasciandomi ai miei sogni di bambina.
















TOMINO MIELE & NOCI con misticanza di fiori eduli


ingredienti : 


1 tomino
20 gr di miele di acacia
3 noci
misticanza con fiori eduli
1 crostone di pane
1 fetta di pancetta arrotolata



Mondate e lavate la misticanza,avendo l’accortezza di scolarla e asciugarla bene. Potete utilizzare carta da cucina e tamponare l’acqua in eccesso.
Tostate la fetta di pane e fate croccantizzare bene la pancetta in un padellino. A parte cuocete il tomino su una piastra.
Ci vorranno un paio di minuti,quando la consistenza risulterà morbida e il formaggio all’interno si sarà sciolto,saranno pronti.
Togliete dal fuoco e componete il vostro piatto :
Prendete il pane e adagiateci qualche foglia di misticanza,aggiungete la pancetta e poi il tomino.
Cospargete il tomino con il miele e i gherigli di noce spezzettati a mano. 
Decorate con qualche fiore e mangiate subito.
Attenzione : il formaggio fuso ha la temperatura della lava,siate cauti.






You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Polpette di tonno e patate