PRIMI PIATTI, Senza categoria

A VOLTE RITORNANO…

9 aprile 2014

Oggi ho le paturnie.
Di quelle serie.
Intanto questa notte mi sono svegliata in preda un attacco di panico..e questo non ha aiutato.
Credo stessi sognando come cucire una cerniera in un cuscino,nascosta dalle frappe…un vero incubo.
E ora sono qua,in testa il delirio e il pomeriggio davanti a me.
Piove oppure no.
Ho voglia di uscire ma anche no.
Di cucire,ma adesso non mi va.
Di cucinare…quello si che mi va!
Mi va quasi sempre,tranne quelle volte in cui compongo il numero di un qualsiasi take away e a cucinare ci pensa qualcun’altro.
La pioggia insistente di questa mattina mi ha raggelata,mi sento ancora l’umidità nelle ossa anche se ora un timido sole spunta tra le nuvole.
Conosco un metodo infallibile per scaldare corpo e anima : 
Preparare la pasta fresca.
Impastare con foga caccia via i pensieri più cupi e riscalda il cuore,per non parlare del corpo.
E poi il profumo della carne che soffrigge con le verdure,il vapore caldo che si sprigiona dalla pentola…
Mi sembra ancora di essere in vacanza…sul porto,al mercato di Tong Sala; dove per poche monetine puoi assaggiare spiedini di carne o di pesce,riso cucinato in centinaia di maniere,tranci di pizza,ciambelle fritte dolci e i ravioli al vapore.
Io li adoro! Inutile dirvi quanto siano buoni e anche che io una sfoglia così sottile non riuscirò mai ad ottenerla!
Nemmeno tra 1 milione di anni.
Non credo sia solo questione di allenamento,d’altronde da vera romagnola la sfoglia sottile dovrei saperla tirare…!!
Comunque vi farò sapere…ora so cosa fare quando mi ricapiteranno le paturnie!





















































RAVIOLI AL VAPORE…asparagina,salsiccia e porro



ingredienti : per  circa 20 ravioli


250 gr di farina 0
250 ml di acqua circa 
350 gr di asparagina selvatica
4 salsicce
1/2 porro
sale
pepe
salsa di soya per servire


Mondate il porro e tagliatelo a fettine sottili.
Fatelo soffriggere in un pentolino insieme alla salsiccia privata della pelle ma senza aggiungere olio,basterà il grasso della salsiccia a ungere bene il tutto.
Mescolate bene sgranando la carne con un cucchiaio.
Nel frattempo lavate e mondate gli asparagi selvatici e affettateli a rodelle piuttosto fini.
Quando la salsiccia sarà a rosolata e cambierà colore unite gli asparagi e continuate la cottura per altri 10 minuti.
Se volete gli asparagi più croccanti spegnete dopo 7/8 minuti,assaggiate sempre per regolarvi.
Preparate la pasta per i ravioli impastando la farina e unendo l’acqua poco alla volta fino ad ottenere un impasto liscio e sodo. Coprite con un panno e fate riposare 30 minuti.
Ora stendete la pasta fino ad ottenere una sfoglia molto sottile ma non troppo altrimenti si romperà.
Con un coppapasta o una semplice tazza ricavate dei dischi di sfoglia. Mettete il cerchio di pasta al centro della mano e riempite con un cucchiaio di ripieno. Chiudete a mezzaluna e premete bene sui bordi. Ora unite gli angoli verso il centro come con un fazzoletto e adagiate su carta da forno mentre preparate gli altri. 
Portate a bollore dell’acqua in un pentolino e cuocete a vapore (io utilizzo una vaporiera in bamboo)i vostri ravioli per 9 minuti. (Lasciateli abbastanza distanti tra loro).
Togliete delicatamente dalla vaporiera e servite accompagnando con salsa di soya.







You Might Also Like

12 Comments

  • Reply valentina-latte dolce fritto 9 aprile 2014 at 21:12

    Anche io ho provato a stendere la sfoglia per i ravioli al vapore, eppure così sottile sottile non mi viene! Ma pensa che, da genovese, me la cavo benissimo con la sfoglia della focaccia al formaggio e le tante sfoglie della pasqualina… tutte sottilissime, si vede che per questi ravioli devo ancora fare pratica!
    Impastare è un vero antistress, anti-brutti-pensieri e ovviamente a quanto vedo anti paturnie 😉
    Bellissimi ravioli, spero un giorno di riuscire a farli così!
    Un caro saluto

    • Reply latagliatellanuda 10 aprile 2014 at 18:53

      Valentina io ero abbastanza soddisfatta della mia ma vorrei assottigliarla ancora!!
      Devo provare e provare e riprovare…come scaccia pensieri è ottimo lo sai anche tu!
      Un bacio

  • Reply Paola 9 aprile 2014 at 21:36

    Impastare è davvero un fantastico modo per allontanare le paturnie e visto questi fantastici ravioli che hai preparato direi che vorrei averle anche io le paturnie! Un abbraccio
    Paola

    • Reply latagliatellanuda 10 aprile 2014 at 18:54

      Ah ah…Paola puoi provare a farli anche senza paturnie che è meglio,va!!!
      Un bacione!

  • Reply Chiara Setti 10 aprile 2014 at 5:38

    Eli questi ravioli hanno un aspetto delizioso!! E anche il ripieno mi stuzzica tanto! Un bacino

    Ps. Anch'io mi sento un po' così in questo periodo…sarà il cambio di stagione?!?

    • Reply latagliatellanuda 10 aprile 2014 at 18:55

      Chiara il ripieno di quasti porri è troppo buono,con il poco che mi è rimasto ci ho fatto i crostini…buonissimi!
      Eh le paturnie primaverili…queste conosciute!
      Un bacione!

  • Reply Mirtillo E Lampone 10 aprile 2014 at 14:31

    Niente paturnie per me Ely, solo una voglia matta di mangiare i tuoi splendidi ravioloni ripieni di bontà…e di fare due chiacchiere davanti ad una tazza di tisana alla frutta con te, scacciando via anche le tue paturnie e allontanare le crisi di panico! So cosa vuoi dire…e non è bello!
    Ti stringo stellina, ti auguro una giornata migliore e tanti sorrisi!

    • Reply latagliatellanuda 10 aprile 2014 at 18:57

      Aaah Berry che voglia di quella tisana…insieme!! La berremo mai?? Io non demordo!!
      Spero tu stia alla grande di ritorno dal tuo viaggio,ti abbraccio forte e lo sai che mi hai fatto sorridere?? <3

  • Reply Patty Patty 11 aprile 2014 at 17:15

    Ma buoni che sono Eli…. ma poi ti sono passate le paturnie?? 😀 Di sicuro perchè questi ravioli al vapore devono essere troppo buoni!!!! Ti bascio tesoro bello!!!!

    • Reply latagliatellanuda 15 aprile 2014 at 19:05

      Patty alla fine le paturnie se ne sono andate,ma in questo periodo vanno e vengono…
      Sicuro dopo aver mangiato questi ravioli per un bel po' non si sono viste!!
      Un abbraccio!

  • Reply Alessandra 14 aprile 2014 at 8:58

    Mi dispiace per le paturnie (un'espressione che non sentivo da secoli!), ma i ravioloni sono bellissimi 🙂

    Ciao
    Alessandra

    • Reply latagliatellanuda 15 aprile 2014 at 19:06

      Eh le paturnie…o gnorgne come si dice a Rimini!!
      Oltre che belli sono pure buoni i ravioli.. ; )
      Ciao!

    Leave a Reply

    CONSIGLIA Polpette di tonno e patate