Contorni, Senza categoria

A MIA NONNA

10 ottobre 2013

Classe 1929.
84 anni e non sentirli.
Più o meno,perchè la cara vecchietta dopo una rovinosa caduta risalente a 11 mesi fa in cui si è rotta una vertebra,ora lamenta qualche dolorino alla schiena.
Ho cercato di farle capire che gli anni passano per tutti e non è che lei ringiovanisce come se avesse fatto un patto con il quadro come Dorian Grey. Ma che vi devo dire?
Lei guarda la televisione e trova tutti i vari attori,presentatori,showgirl invecchiati. 
Tutti tranne lei.
Lei è ancora quella bella ragazza castana,magra come un chiodo,sempre elegante e con unico vezzo il rossetto rosso.
Vezzo che poi con gli anni ha perso per dedicarsi ad un low profile in cui anche prendere il carrello al supermercato è da snob. Ve la vedete la mia vecchina,girovagare per le corsie del minimarket affianco a casa,carica di pacchetti tra le braccia??
Scene di ordinaria follia,anche perchè non è che fa la spesa giornaliera…nella sua dispensa potete trovare riserve a volontà. Io se finisco l’olio alle 9.00 di sera,so che da lei ce ne sono sicuramente 3/4 bottiglie diverse. Doppioni di ogni cibo da lei consumato. Bottiglie di vino che ormai sono invecchiate assieme lei. Pasta a volontà e ogni genere di sott’oli.
Perfettamente in ordine,tutti quei vasetti e lattine impilate come soldatini. Ecco dove ho preso la mania!
Il mio frigorifero sembra un esercito sull’attenti.
Ricordo quando da bambina mi proibiva di aprire e frugare nei suoi cassetti…Io credevo ci tenesse nascosto chissà che genere di tesori.
Ho scoperto solo dopo la vera motivazione :
Odia il disordine.
E tutto quanto è innovativo o nuovo per lei.
Oggi per convincerla ad utilizzare un cordless al posto del telefono fisso,ci sono voluti 45 minuti di spiegazioni,convincimenti,implorazioni e via via.
Stremata le ho disegnato i pulsanti del malefico telefono su un foglio per farla allenare mentre aspetta quello vero. Ma si potrà,dico io????
Provate a discutere voi con una che si crede di mentalità aperta ma :
Guarda le foto della Thailandia o di qualsiasi altro paradiso terreste e se esce con un “si vive bene solo a Rimini”.
Si avventura più in là del suo borgo solo per andare a trovare le sorelle e il dottore. 
E solo se mia madre è con lei.

Accetta i miei tatuaggi ma solo perchè tra i tanti due sono dedicati a lei.
Odia la modernità,non si capacità di come una scatoletta nera possa telefonare,suonare musica e andare su internet. Che poi cosa sarà questo internet?? 
Non parliamo poi di un blog o blob come dice lei,sono mesi che tento di spiegarglielo ma ormai ho perso le speranze.

Anche perchè secondo lei cucino che cib mudérn,tradotto : quei cibi moderni,che a lei non piacciono.
Per lei anche lo yogurt fa parte di quei cibi strani che sono sicuramente di un gusto tremendo e per questo lei non li assaggerà mai. (E detto da una che ho visto con i miei occhi mangiare la lingua cruda del coniglio che stava cucinando…)
Storce il naso mentre le faccio vedere le foto delle mie ricette,ma poi mi guarda con gli occhi luccicanti e fieri e mi dice che sono diventata proprio brava.
E io mi sciolgo.
Allora questo piatto lo dedico a te,cara nonna.



















AL CONTADIN NON FAR SAPERE…scrigno di speck,pere e gorgonzola fuso


ingredienti : per 2 persone


5/6 pere angelica
200 gr di speck tagliato sottile
150 gr di gorgonzola



Quando acquistate le pere abbiate cura di sceglierle già mature,altrimenti rimarranno troppo toste.
Lavatele,pelatele e tagliatele in 4.
Eliminate i semi e rivestite ogni spicchio di pera con una fettina di speck,ricoprendolo interamente. 
Adagiate in una terrina di ceramica senza alcun condimento e ricoprite con il gorgonzola tagliato a dadini.
Fate cuocere in forno caldo a 200° per 15/20 minuti,modalità ventilato. Gli ultimi 3 minuti utilizzate la modalità grill così lo speck diventerà croccante e il gorgonzola si fonderà meglio!
E’ un piatto semplice e veloce ma di sicuro successo.
Ottimo come antipasto o come contorno,da leccarsi i baffi…











You Might Also Like

12 Comments

  • Reply Any 10 ottobre 2013 at 22:08

    Bellissime parole, tua nonna deve essere una donna molto speciale.
    Mi piace molto la tua proposta, si fa in un batter d'occhio!

    • Reply latagliatellanuda 11 ottobre 2013 at 11:52

      È si,la mia nonna è proprio speciale…come tutti i nonni del resto!!!!
      E speciali sono anche queste pere,buonissime e super veloci!
      Un abbraccio!

  • Reply Cuoca Pasticciona 11 ottobre 2013 at 12:08

    Ho letto le tue parole con il sorriso sulle labbra. Anche io ho una nonna che adoro e che considero mia madre e la tua per certi versi mi fa pensare a lei 🙂 🙂
    Le nonne sono una delle cose più belle che la vita ci offre, io ho la fortuna e il piacere di aver vissuto sempre con lei (oltre che con i miei) e vederla alla sua età sempre arzilla e con la forza di fare tutto mi riempie il cuore di gioia, ti confesso che anche io presto le vorrei dedicare il mio primo tatuaggio!!! w le nonne, un abbraccio alla tua e anche a te!

    • Reply latagliatellanuda 11 ottobre 2013 at 14:48

      E' verissimo!! Io è mia nonna a volte ci chiediamo da dove è "uscita" mia mamma,così diversa da noi due! Se farai un tatuaggio vedrai come ne sarà fiera!!!
      Un abbraccio a te e alla tua nonnina!

  • Reply Roberta 11 ottobre 2013 at 12:31

    Che bella la foto che hai fatto di tua nonna Eli, mi hai fatto sorridere mentre leggevo di lei e tra le righe assaporavo l'amore che ti lega a lei. E ti ho anche un po' invidiata, ma senza cattiveria eh, perchè alla mia nonnina non potrò mai raccontare di avere un "blob", perchè purtroppo non c'è più e spesso mi domando se, guardandomi oggi, sarebbe fiera di me. Mi piace pensare di sì 🙂
    Ricetta deliziosa, mi intriga, ma tu sei davvero brava! Un abbraccio!

    • Reply latagliatellanuda 11 ottobre 2013 at 14:52

      Se hai sorriso mentre leggevi il post sono riuscita nel l'intento…non volevo fosse una cosa strappalacrime!!!
      Sicuramente la tua nonna sarebbe fiera di te! E anche se non credo a paradisi e cieli vari so che lei sa che tu hai un blob ; ) e ti segue sempre…
      Provala la ricetta,vedrai che ti conquista!
      Un abbraccio forte forte!

  • Reply Mirtillo E Lampone 11 ottobre 2013 at 12:52

    Ely…che meraviglia deve essere il rapporto nonna-nipote, ed è bello leggerlo nelle tue parole! Traspare in ogni cosa che dici, sicuramente lei non te lo dice ma altro che occhi che brillano, andrà dalle amiche a raccontare quanto è brava e bella la sua nipotina!
    Ti abbraccio tesoro!

    Berry

    • Reply latagliatellanuda 11 ottobre 2013 at 14:55

      Ah ah ah…rido perché penso a quando ho fatto il tatuaggio che la raffigura da un ritratto che le fece mio nonno,è andata da tutte le sue amiche e vicine a chiamarle per farglielo vedere!!!! W le nonne!!!
      Un bacione stella bella!

  • Reply Patty Patty 11 ottobre 2013 at 17:40

    Che cosa meravigliosa avere ancora la nonna Eli… E' il borgo di Fellini dal quale non vuole allontanarsi? Se è quello, ci credo, è uno scorcio come non ce ne sono al mondo!
    PS Io potrei vivere di gorgonzola, speck e pere… anche separati! Buonissima ricetta! un bascione!

    • Reply latagliatellanuda 11 ottobre 2013 at 21:05

      Allora mia nonna è nata e cresciuta nel borgo di Fellini,e si è proprio meraviglioso!
      Anche io ho abitato li per qualche anno!! Indimenticabile!
      Però dopo il matrimonio si è trasferita nel borgo San Andrea,vicino al centro. E li è rimasta! ; )
      Lei di questa ricetta mangia solo le pere,e poi e poi…
      Un bacio e buon fine settimana Patty!

  • Reply Chiara Setti 12 ottobre 2013 at 10:03

    Che dolce Eli….mi sono commossa a leggere il post perché in tante cose mi ricorda mia nonna anche se lei si fa stampare i post da mia zia e poi mi legge 🙂 carineeee le nonne!!!

    • Reply latagliatellanuda 13 ottobre 2013 at 16:31

      Che mitica tua nonna ch'essi fa stampare i post!!! Adorabile!!!
      Buona domenica,un bacione!

    Leave a Reply

    CONSIGLIA Pasta avocado e pomodorini